Hledat English (United States)  Italiano (Italia) Deutsch (Deutschland)  Español (España) Čeština (Česká Republika)
30. května 2024 ..:: Home ::.. Zaregistrovat se  Přihlásit se
Navigace stránek

 Logo di Piccolo Mondo Minimalizovat
Logo

  
 Supporta Ass. Piccolo Mondo Minimalizovat

Per sostenere quei progetti, in Italia e in Bielorussia che Piccolo Mondo sta realizzando per migliorare la qualità della vita dei “bambini di Chernobyl”, destina il 5 PER MILLE dell’imposta sul reddito IRPEF. Non sostituisce l’8 PER MILLE, non costa nulla in più ed è un contributo importante per l’associazione. Per destinare il 5 per mille occorre inserire nell’apposito spazio del modello 730 o sul CUD, il Codice Fiscale di Piccolo Mondo: 90031430409

Un ulteriore modo per sostenere Piccolo Mondo è tramite una donazione:

PICCOLO MONDO ONLUS

BANCA PROSSIMA
IBAN : IT 30E0335901600100000072373

Ricordiamo che le donazioni alle Onlus sono fiscalmente detraibili.

 

Per info:
e-mail: piccolo.mondo97@gmail.com
cellulare Raffaella Candoli: 3388536817
cellulare Monica Belli: 3474235070



  
 Links amici di Piccolo Mondo Minimalizovat

 Tisk   
 Account Login Minimalizovat


Registrovat
Zapomněli jste heslo?


 Tisk   
 Dipinto di Alessandra Placucci Minimalizovat
Dipinto di Alessandra Placucci
LA CASA DALLE PERSIANE VERDI

  
 ” Il cammino del tempo” Dipinto di Alessandra Placucci Minimalizovat
Estate

  
 Bacheca Minimalizovat
Rifornimenti invernali - 3. listopadu 2023



Occhiali nuovi e farmacia dell' istituto di Divin rifornita in vista dell' inverno





 
Happy Birthday Vadim - 2. listopadu 2023



I bambini più piccoli dell' istituto di Divin (By) hanno festeggiato il compleanno di Vadim e insieme sono stati in sala giochi








 
I bambini e le bambine di Chernobyl che non possono più venire in Italia - 11. října 2023

Storie di infanzia perduta, tra missili e carri armati dopo l’invasione della Russia in Ucraina


Ucraina, bambini in fuga da Leopoli



Vivevano la vita della famiglia. Un’esperienza per loro sconosciuta, come avere i nonni, gli zii. L’associazione organizzava la scuola di nuoto, di calcio, anche corsi sub. Perché non avevano mai visto il mare.”
A parlare a Rainews è Raffaella Candoli, presidente dell’associazione di volontariato Piccolo Mondo onlus, di Cesena. Dal 1996 accoglie a Natale e per 3 mesi estivi i bambini di Chernobyl. Per il terzo anno consecutivo questi bambini non vivranno questo breve, ma intenso spazio di “di normalità”. A bloccare questi soggiorni “terapeutici” sono stati il Covid e ora la guerra. È stata però la guerra a ricordarci che il 26 aprile del 1986 un guasto al reattore numero 4 della centrale nucleare di Chernobyl, nel nord dell'Ucraina, provocò quello che resta ancora oggi il più grave incidente della storia dell'energia atomica civile. È stata la guerra a farci ricordare che a Chernobyl vivono ancora famiglie e bambini contaminati. Fatti, storie, sommerse in fondo alla memoria di tutti.



Raffaella Candoli presidente dell’associazione di volontariato Piccolo Mondo onlus, di Cesena



“Questi soggiorni sono “terapeutici”- spiega Raffaella Candoli- servono ad abbattere tutti quei metalli pesanti che si accumulano nel sangue e provocano delle malattie. I soggiorni, danno risultati anche solo dopo un mese e sono certificati”. Non possono, purtroppo, venire bimbi che hanno delle patologie gravi, malformazioni, perché non possono volare in aereo e tutto questo, insieme alla guerra, non permette loro “di vivere una vita normale nelle famiglie”.




Chernobyl


Disastro di Chernobyl




Non ci sono solo i bambini Chernobyl, ma anche i bambini degli “Internat” cioè orfanotrofi, sparsi in molti paesi dell'Est Europa. “C’è il problema dell’alcolismo – spiega Raffaella Candoli- che spesso porta a situazioni di violenza o disagio. Allora interviene lo stato con i servizi sociali e i ragazzi vengono portati negli “Internat” dove si trovano neonati o ragazzi di 17, 18 anni”.




Disastro di Chernobyl



Raffaella Candoli spiega che l’accoglienza di tutti questi bambini è accompagnata da una lunga procedura che va dai permessi ai di nulla osta rilasciati dal Comitato Tutela Minori della Presidenza del Consiglio dei Ministri e seguite dalle istituzioni omologhe in Bielorussia e in Ucraina. Le famiglie, inoltre, devono avere le garanzie rilasciate dalle questure.

Con stupore e commozione ci racconta come questi bimbi chiedono cosa sia un telecomando. Gli occhi spalancati, increduli davanti ad un frigorifero pieno. Sbalorditi quando gli si dice che hanno una camera tutta per loro con i giocattoli. “C’è stata la moda delle scarpe da ginnastica che si illuminavano- racconta Raffaella Candoli- alcuni non se le sono tolte, ci dormivano. Invitare a casa degli amici era una gioia. La sorpresa per il loro compleanno di avere una torta. Per tutti questi bambini queste cose, che per noi sono “routine”, sono per loro come volare sull’isola che non c’è, con Peter Pan. I bambini che stanno negli “Internat” crescono in batteria. Lì non ci sono punti di riferimento ufficiali: c’è il direttore, la maestra e le educatrici. Qui, invece, avere un rapporto padre-bambino, mamma-bambini, fratello-bambini è esaltante. È uno scampolo di infanzia”.




Disastro di Chernobyl

I bimbi di Chernobyl

Bambine che giocano



Poi ci sono i bambini che fuggono dalla guerra: “La maggior parte dei bambini viene affidata alle nonne che vivono qui in Italia. Alcune donne, li portano in zone dell’Ucraina dove si combatte meno”. Anastasia Shevchenko 27 anni, vive in Italia da 10 anni da quando la Russia occupò la Crimea




Anastasiia Shevchenko



“ Chi arriva da solo - racconta Anastasia- cerca amici o parenti su Facebook. Ci sono molti gruppi di ucraini, però è anche pericoloso. Le notizie più brutte arrivano proprio dall’Ucraina. Quando le città vengono occupate non si sa nulla, solo quando vengono liberate arrivano delle storie difficili da comprendere. Molti sono orfani, alcuni sono maltrattati. È diventata normale lasciarli a persone, o a vicini di casa, in fuga sui pullman pieni. I genitori sanno già che non li vedranno più”. “Alcuni bimbi – conclude Anastasia - non riescono più a parlare per gli orrori che hanno visto”.




Bambini in fuga dalla guerra in Ucraina

Ucraina, bambini

 

Ringraziamenti - 5. října 2023



Ringraziamenti




 
Giornata dedicata agli insegnanti - 2. října 2023



Divin,(By)
30 sett.giornata dedicata agli insegnanti, i ragazzi/e li hanno festeggiati con regali, canti e balli, nell'occasione sono stati invitati anche gli insegnanti in pensione.















 
Memoria Moretti Flaviano - 16. srpna 2023



Piccolo Mondo OdV è vicina al dolore della socia Zagnoli Zaura, che in memoria del marito Moretti Flaviano ha voluto destinare la somma raccolta in occasione delle esequie,alle iniziative solidaristiche da noi intraprese. Un abbraccio a Zaura e ai figli Vera e Ivan nel ricordo di Flaviano e dei giorni trascorsi condividendo l'esperienza di ospitalità di minori bielorussi.


 
Vicini a chi fa del bene - 16. srpna 2023



Piccolo Mondo OdV sempre vicino e presente a chi fa del bene





 
Una bellissima esperienza... - 16. srpna 2023



Una bellissima esperienza...





 
Un caloroso abbraccio - 28. července 2023



Un grande abbraccio alla nostra amica psicologa Monia, per la scomparsa del suo caro babbo


 
Regalo per Eugenio - 11. července 2023



Grazie di cuore,
a tutte le persone che con il loro contributo, hanno regalato a Eugenio un futuro di speranza.





 
La Santa Pasqua - 22. února 2023



Anche quest'anno sono tornate le uova di Pasqua della solidarietà




 
Giornata di relax - 10. prosince 2022



“... oggi una bella giornata di relax... per alcuni ragazzi di Divin (By) ”














 
La Sfilata - 29. listopadu 2022



“I ragazzi a Divin (By) hanno organizzato una sfilata di abiti di loro creazione. Sempre nei nostri cuori ”




















 

 Tisk   
 JménoRoleEmailTelefonTelefon 2
Candoli Raffaella Presidente 3388536817 WhatsApp 
Monica BelliSegretaria 3474235070 WhatsApp 
Copyright (c)   Podmínky používání  Prohlášení o soukromí
DotNetNuke® is copyright 2002-2024 by DotNetNuke Corporation